— Shared 1 giorno fa - 646 note - via / Source - reblog
A frate’,ma come fai a divertitte a fa na botta e via co tutte? Nun se po anna’ avanti così,che magari a ragazza giusta,quella che te avrebbe potuto fa batte er core a dumila,l’hai lasciata nmezzo alla strada. Frate ascortame bene,fidate de me,innamorate,sur serio,che cosa più bella no so mica se esiste. È come na piacevole malattia,dalla quale nun vorresti mai guarì. Ce stai dentro,come lei sta dentro de te. Impegnate a trova’ a ragazza giusta,e nun lascialla mai anda’,nun ta fa scappa’,magari pe divertitte na sera. Devi esse serio,che oramai,nsei più un regazzino,cominci a esse omo,e l’omini veri,so quelli che la ragazza loro la trattano da Dio. Fai de tutto pe lei,falla senti’ unica,daje attenzioni,insomma fai come se fosse na regina. Innamorate der sorriso suo,e fai de tutto pe fajelo mostra’ sempre e comunque. Staje vicino quando c’ha bisogno,e nun fa lo stronzo,accarezzala,baciala e abbracciala quanno se sente debole. Tiettela pe mano pure si incontri l’amici tua,e nte vergogna’ mai de lei. Faje dei regali,delle sorprese,dedicaje frasi,canzoni e compraje dei fiori. E ricordate che innamorasse de sti tempi,nun è na vergogna,anzi,è nprivilegio.

— Shared 2 giorni fa - 348 note - via / Source - reblog

— Shared 3 giorni fa - 778 note - via / Source - reblog
Er problema tuo pische’ è che ‘n c’hai capito niente. Ma nun t’accorgi davero de come te guarda? Aò fidate, io n’ho visti tanti de occhi, ma i sua quanno te vedono brillano troppo forte.
Ma te rendi conto che quella vole te su 7 fottuti mijardi de persone? ‘O so, me potrai di’ che de pischelle che te vengheno appresso ce ne stanno ‘na marea, che sei bello e ce ne poi ave’ centinaia de femmine che te sbavano dietro ma ‘a differenza tra tutte l’altre e lei è che lei c’ha occhi solo pe’ te. Nun je ne frega ‘n cazzo si ‘na mattina te sei scordato de pettinatte, si te sei messo er jeans sbajato o si c’hai ‘na majetta ridicola: quella se ‘llumina quanno te vede.
Che poi te ne dovresti accorge’ da solo, che quanno te parla diventa ‘n peperone e je se fermano le parole ‘n gola. Ma forse, e po pure esse’, te sto a di cose che già sai ma che te piace tanto ‘gnora’.
Io lo so perchè nemmeno ‘a guardi… E’ difficile reggeli quell’occhi ve’? Sei ‘mbarazzato, ‘ntimidito, e nun te poi fa’ abbatte da ‘no sguardo, giusto? Er problema, caro mio, è che ar core ‘n se comanna, che prima o poi tocca che te fai coraggio e je lo dici che pure te ‘o sguardo suo nu’ lo reggi.
Continuasse a guarda’ senza disse niente ce po pure sta’, ma a ‘na certa dijelo, dije tutte le belle parole che c’hai dentro pe’ lei e nun te la fa’ scappa’ che poi te ne penti e lo sai mejo de me che ‘r treno passa ‘na vorta sola.
E dopo che te sarai fatto coraggio, che j’avrai detto tutto er bene che je voi, viemme a di’ si c’avevo ragione o no.
Tocca dichiarallo l’amore, sempre, ricordatelo perchè poi sinnò te rimane come ‘na specie de conto ‘n sospeso che er tempo nun te fa più salda’.
— Litch97 (via litch97 )

— Shared 1 settimana fa - 9 note - reblog

Ancora non posso concepire il fatto che Augustus si dica Ogastus.


— Shared 2 settimane fa - 12.267 note - via / Source - reblog
Era sempre di cattivo umore e tristissima, ma a me questo piaceva. Mi piaceva sapere che aveva scelto me come l’unica persona da non odiare.
— Colpa delle stelle, Augustus (via onedayiwillchangemyfaith)

— Shared 3 settimane fa - 5 note - reblog

"Io non li capisco questi uomini, che tu gli dici che non hai niente e quelli capiscono che non hai niente."


— Shared 2 mesi fa - 6.072 note - via / Source - reblog
Sai è brutto svegliarsi la mattina con la speranza che qualcosa cambi. Ma poi non accade niente, e fa ancora più male.

— Shared 2 mesi fa - 4 note - reblog

— Shared 2 mesi fa - 12.321 note - via / Source - reblog
Ho talmente bisogno di te che non so nemmeno dirtelo.
Ray Bradbury, Fahrenheit 451. (via biancacomeillatteneracomelamorte)

— Shared 2 mesi fa - 953 note - via / Source - reblog
-Augustus Waters era un bastardo che adorava autocelebrarsi. Ma noi lo perdoniamo. Lo perdoniamo non perché avesse un cuore buono in senso figurato quanto quello autentico faceva schifo, non perché ne sapesse di più su come si tiene una sigaretta in bocca di qualunque altro non fumatore della storia, non perché ha ottenuto la sorte di vivere diciotto anni quando avrebbe dovuto viverne di più-
-Diciassette-
-Sto dando per scontato che tu abbia ancora un po’ di tempo, bastardo rompiballe-
-Credetemi- ha ripreso, -Augustus Waters parlava così tanto che sarebbe stato capace di interrompervi al suo stesso funerale. Ed era presuntuoso: buon Gesù, quel ragazzo non si faceva mai una pisciata senza meditare sulle abbondanti risonanze metaforiche dello spreco di liquame umano. Ed era anche vanitoso: non credo di aver mai incontrato una persona fisicamente attraente tanto consapevole di esserlo. Ma vi dico questo: quando gli scienziati del futuro si presenteranno alla mia porta con gli occhi robotici e mi diranno di provarli, io dirò a quegli scienziati di sparire, perché non voglio vedere il mondo senza di lui-
Colpa delle stelle, John Green (via libri-cinema)